martedì, 06 dicembre 2016

Cile: visita canonica

Dal 3 al 14 novembre 2016, Fra Giovanni Voltan, Ministro provinciale della Provincia italiana di Sant’Antonio, ha fatto la visita canonica alla Delegazione del Cile, in vista del secondo Capitolo ordinario della Provincia, la cui I parte si terrà nel mese di marzo del prossimo anno. 

Fra Giovanni, insieme a Fra Teofil Petrisor, Ministro provinciale della Provincia San Giuseppe di Romania, ha visitato le tre comunità della Delegazione e ha personalmente ascoltato tutti i frati, inclusi i seminaristi e gli aspiranti tali. Ha avuto l’opportunità di vivere altri incontri fraterni con i consigli parrocchiali, con le comunità OFS, con i vescovi e con il Cardinale di Santiago, come pure con altri gruppi e persone inserite nel nostro servizio pastorale. Alla fine della sua visita, ha partecipato anche all’incontro intercomunitario dei frati della Delegazione, tenutosi dal 15 al 17 novembre 2016.
Attualmente in Cile ci sono 12 frati professi solenni provenienti da diverse nazioni: sette dall’Italia, tre dalla Romania, uno dalla Spagna e uno dall’Indonesia. Inoltre, è ospite dei frati per sei mesi un professo semplice croato. Presto giungerà in Delegazione anche un altro frate croato, Fra Zlatko Vlahek, che farà un anno di esperienza e di apprendimento della lingua. Ci sono poi due cileni presso la casa di formazione: un professo temporaneo e un pre-novizio. La multiculturalità è, senza dubbio, una grande ricchezza nella comunità della missione ma, nello stesso tempo, è una sfida perché ha bisogno di essere vissuta nell’accettazione reciproca e nella capacità di camminare insieme. 
Durante l’incontro della Delegazione i frati si sono interrogati su “chi e cosa vogliono essere”, pensando al presente e al futuro. Questa domanda provocatoria nasce dal fatto che la presenza dei frati missionari in questa Delegazione è sempre provvisoria, sia per i gli accordi con la Provincia di Romania, sia per l’età o per gli anni di servizio in missione. “Quanti saremo?” è stata questa la domanda da cui partire nel prossimo quadriennio. Un frate rumeno tornerà presto nella sua terra per accompagnare il papà ammalato, gli altri hanno rinnovato motivazioni e disponibilità per continuare in questo progetto missionario. La presenza del Ministro provinciale di Romania è stata occasione sia per ringraziare della collaborazione tra le due Province, sia per concordare alcuni criteri per il futuro.
È certo che il numero dei frati continua ad essere esiguo, ma i due Ministri provinciali incoraggiano i frati della Delegazione invitandoli a confidare nella provvidenza del “Signore della messe”, che non sta facendo mancare germogli di speranza.

Fra Jack Ginting

Accesso

Scrivi Nome di utente e Password

Per ottenere dati di accesso vai a >>> registrazione