sabato, 17 febbraio 2018
  • en
  • es
  • pl
  • it

Polonia: documento dei Vescovi sulla Milizia dell’Immacolata

In occasione del centenario della fondazione della Milizia dell’Immacolata (M.I.), l’Episcopato polacco ha annunciato la lettera pastorale intitolata “Cento anni con l’Immacolata e la sua Milizia”.

M.I.Il documento è stato firmato dai cardinali, arcivescovi e vescovi presenti all’assemblea plenaria che si è svolta nei giorni 6-7 Giugno 2017 a Zakopane, ma è stato reso noto il 27 Novembre, ed è destinato per uso pastorale nella solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria – 8 Dicembre 2017.
I Vescovi polacchi affermano che San Massimiliano Maria KOLBE ha fondato la Milizia, per incarnare il dogma dell’Immacolata Concezione di Maria nella pratica della vita quotidiana. Il nascere della M.I. è derivato soprattutto dal desiderio di salvare le anime, ma anche dalle sfide del tempo. Lo scopo della Milizia è l’adempimento della missione della Chiesa, che è la chiamata alla conversione di tutti i peccatori e la loro santificazione “sotto la protezione e attraverso l’Immacolata”. Il movimento è aperto a tutti: laici e chierici, bambini, giovani e adulti.
Oggi la Milizia dell’Immacolata ha di fronte nuove sfide: “l’ateismo programmatico e ideologico ha lasciato il posto agli atteggiamenti neo-liberali e anti-ecclesiali. La Milizia cammina con il mondo che cambia e oltre l’attività tradizionale, iniziata da San Massimiliano, sviluppa nuove forme di apostolato corrispondenti alle sfide contemporanee della Chiesa e del mondo. Sono sorti e agiscono, tra gli altri: il Movimento Giovanile della Milizia dell’Immacolata, la Scuola di Evangelizzazione dell’Immacolata, la Milizia dell’Immacolata ai piedi della Croce; quest’ultimo costituisce un potente esercito di preghiera e di sofferenza, sono – come ha espresso San Massimiliano – «l’avanguardia» della Milizia”.
Al tempo presente – sottolineano ancora i Vescovi polacchi – la Milizia appare come l’antidoto specifico a vari tipi di conflitti e schiavitù dell’anima umana, perché forma l’uomo sull’esempio di Maria. “Preghiamo l’Immacolata, che San Massimiliano ha fatto suo Ideale, Condottiera e nostra Mediatrice di tutte le grazie presso Dio, per condurci al dolcissimo Cuore di Gesù nelle schiere della Sua Milizia”.

Red.

 

Lettera dell’Episcopato polacco
in occasione del centenario della fondazione della Milizia dell’Immacolata

CENTO ANNI CON L’IMMACOLATA E LA SUA MILIZIA

Cari fratelli e sorelle!

Il filo conduttore di questa lettera pastorale è il centenario della nascita della Milizia dell’Immacolata – la semplice realizzazione della verità sull’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, come l’ha compresa San Massimiliano Maria Kolbe. Nella sua idea, la Milizia dell’Immacolata ha costituito la forma di incarnazione del dogma mariano, nella pratica della vita quotidiana.

Nel 1933, Padre Kolbe durante un viaggio missionario, in una delle sue lettere ha scritto in che cosa consiste – nello spirito della Milizia – questa “incarnazione”: “Vogliamo essere totalmente dell’Immacolata perché non rimanga niente di noi che non sia suo, in modo da diventare quasi annientati in Lei, cambiati in Lei stessa, transustanziati in Lei, che rimanga solo Lei. Perché possiamo essere così suoi, come Lei è di Dio” (SK, n. 508).

 

La Milizia dell’Immacolata – genesi e obiettivi

Con il 2017, sono trascorsi cento anni dalla fondazione della Milizia dell’Immacolata. Il suo nascere è derivato soprattutto dal desiderio di salvare le anime, ma anche dalle esigenze del tempo. In quel momento stava per concludersi la Prima Guerra Mondiale, si stava per accendere il fuoco della Rivoluzione d’Ottobre e si intensificavano le attività anti-ecclesiali della massoneria. D’altra parte, la Madre di Dio di Fatima aveva rivelato i segreti e richiamato alla conversione. In tali circostanze, il 16 Ottobre 1917, Padre Massimiliano Maria Kolbe (in quel tempo ancora “chierico”) insieme ad altri sei francescani inizia il movimento mariano – la Milizia dell’Immacolata. Il movimento è aperto a tutti: laici e chierici, bambini, giovani e adulti. Vale la pena notare che la Milizia dell’Immacolata è sorta tre giorni dopo le apparizioni della Madonna di Fatima, in un certo modo è stata una risposta al messaggio del cielo.
Lo scopo della Milizia è l’adempimento della missione della Chiesa: la chiamata alla conversione di tutti i peccatori e la loro santificazione “sotto la protezione e per la mediazione della Beata Vergine Maria Immacolata”. In questo processo di cambiamento sono indispensabili due condizioni: la consacrazione totale a Maria come “strumento nelle sue mani immacolate” e il portare la “Medaglia Miracolosa”. Secondo San Massimiliano bisogna usare “ogni mezzo (purché lecito), tutto ciò che lo stato, le condizioni e le circostanze permettono; tutto ciò che viene suggerito dallo zelo e dalla prudenza di ciascuno; soprattutto però, la «Medaglia Miracolosa» e la supplica rivolta possibilmente una volta al giorno alla Beata Vergine Maria Immacolata, con questa giaculatoria: O Maria, concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a Te e per tutti coloro che a Te non ricorrono, in particolare per i nemici della santa Chiesa e per quelli che ti sono raccomandati” (SK, n. 1369).

 

La Milizia dell’Immacolata ieri

La storia della Milizia dell’Immacolata, la sua identità e la sua essenza, si può seguire in tre prospettive temporali: nella storia ieri, nel contemporaneo oggi e nel futuro domani.
Nella memoria della vecchia generazione rimangono ancora vivi gli eventi di quel passato, quando un francescano poco appariscente ha posto le basi del movimento mariano, fondando vicino a Varsavia il convento e insieme la casa editrice di Niepokalanów (Città dell’Immacolata). Negli anni tra le due grandi guerre, sia il convento che la sua opera missionaria propagandata dal mensile “Cavaliere dell’Immacolata” ed altre pubblicazioni, sono diventati noti in tutto il paese, sia negli ambienti rurali che urbani. A metà degli anni trenta del secolo scorso, il “Cavaliere” è stata la rivista con una tiratura media di 800 mila copie, e nel 1938 ha registrato il risultato da record di un milione di copie.
Con l’ascesa della popolarità del mensile, crescevano rapidamente le schiere della Milizia dell’Immacolata, il cui numero effettivo nell’autunno del 1939 ha ammontato quasi a un milione di membri. Ha portato alla rinascita dello spirito religioso in Polonia e ha contribuito ad aumentare la coscienza morale e cattolica della società.
L’attività della Milizia dell’Immacolata non è stata confinata al territorio della Polonia. Già nel 1930, Padre Kolbe, guidato dallo spirito missionario, è andato in Giappone per diffondere le idee della Milizia.
Il tempo della Seconda Guerra Mondiale ha interrotto lo sviluppo della Milizia. Dopo la sua fine, le autorità comuniste hanno vietato la pubblicazione del mensile, hanno requisito le macchine da stampa e hanno soppresso la casa editrice. La Milizia dell’Immacolata, però, è restata invariabilmente con il suo ideale e i suoi scopi.

 

La Milizia dell’Immacolata oggi

Dopo la trasformazione politica in Polonia, la Milizia si è trovata di fronte a nuove sfide. L’ateismo programmatico e ideologico ha lasciato il posto agli atteggiamenti neo-liberali e anti-ecclesiali. La Milizia cammina con il mondo che cambia e oltre l’attività tradizionale, iniziata da San Massimiliano, sviluppa nuove forme corrispondenti alle sfide contemporanee della Chiesa e del mondo.
Con la Milizia sono sorti e agiscono, tra gli altri: il Movimento Giovanile della Milizia dell’Immacolata, la Scuola di Evangelizzazione dell’Immacolata, la Milizia dell’Immacolata ai piedi della Croce; quest’ultima costituisce un potente esercito di preghiera e di sofferenza, sono – come ha espresso San Massimiliano – “l’avanguardia” della Milizia.
La Milizia dell’Immacolata continuamente si sviluppa; in questo momento esiste in circa 50 paesi. Si stima che dal suo inizio fino ad oggi, si sono iscritti alla Milizia oltre 4 milioni di persone nel mondo, di cui circa 2 milioni in Polonia.
Venti anni fa la Chiesa ha riconosciuto la Milizia dell’Immacolata come Associazione di fedeli pubblica, universale e internazionale ed ha approvato i suoi Statuti.

 

Il domani appartiene all’Immacolata

Al tempo presente, la Milizia appare come l’antidoto specifico a vari tipi di conflitti e schiavitù dell’anima umana. L’idea della Milizia dell’Immacolata è stata racchiusa nella cosiddetta “Pagella” e nell’atto devoto di consacrazione all’Immacolata. Adottare questi contenuti e incarnarli nella vita, fa sì che formeremo noi stessi sull’esempio di Maria Immacolata. Grazie a questo – come insegna San Massimiliano – possiamo diventare “il mezzo per il quale l’Immacolata ama Gesù e Gesù, vedendo noi proprietà, quasi parte della Sua amantissima Madre, ama Lei in noi e per noi” (SK, n. 508).
Ognuno può diventare milite dell’Immacolata. Basta indirizzare la richiesta al Centro Nazionale della Milizia dell’Immacolata di Niepokalanów. Dopo aver ricevuto la dichiarazione, bisogna compilarla e firmare, e poi rimandarla a Niepokalanów. La persona che ha dichiarato il desiderio di aderire alla Milizia, verrà iscritta nel Libro della Milizia e riceverà “la pagella della Milizia dell’Immacolata”, che nel suo genere ne è la tessera, e la “Medaglia Miracolosa”. Dopo aver ricevuto l’iscrizione, nel giorno scritto nella “Pagella” bisogna accostarsi al sacramento della penitenza e partecipare pienamente alla Santa Messa, e compiere l’atto di consacrazione totale all’Immacolata. La formula della consacrazione si trova nella “Pagella”. In segno di consacrazione bisogna portare al collo la “Medaglia Miracolosa”.

Preghiamo l’Immacolata, che San Massimiliano ha fatto suo Ideale, Condottiera e nostra Mediatrice di tutte le grazie presso Dio, perché ci conduca al dolcissimo Cuore di Gesù nelle schiere della Sua Milizia.

 

Hanno firmato:
Cardinali, Arcivescovi e Vescovi presenti alla 376a Assemblea Plenaria
della Conferenza dell’Episcopato polacco

Zakopane, il 6-7 Giugno 2017

La lettera è destinata all’uso pastorale
nella solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria –
8 Dicembre 2017.

 

 

Modulo d’accesso

Scrivi Nome di utente e Password

Per ottenere dati di accesso vai a >>> registrazione

WordPress Video Lightbox Plugin