mercoledì, 22 Novembre 2017
  • en
  • es
  • pl
  • it

Romania: incontro formativo

Dal 7 al 9 Novembre 2017, presso il convento “San Giuseppe” (Curia provinciale) di Bacău si è svolto l’incontro formativo dei frati della Provincia di San Giuseppe Sposo della B.V.M. in Romania.

Il programma dell’incontro, organizzato in tre gruppi, ha incluso due riflessioni presentate da Fra Lucian HORLESCU e Fra Ştefan ACATRINEI, sul ruolo dell’affettività nelle relazioni fraterne e l’attualità della figura e del carisma di San Francesco. 
In seguito, l’assemblea si è recata in pellegrinaggio a Galbeni, dove si trova la casa e la tomba del Servo di Dio, il frate medico Martin BENEDICT; c’è stata poi la visita al cimitero di Valea Mare, per pregare alla tomba del Vescovo francescano Ioan DUMA e degli altri frati ivi sepolti. 
All’inizio di ogni incontro, Fra Adrian-Sorin GIURGI, Presidente della Commissione per la formazione permanente, ha contestualizzato e motivato l’iniziativa, prendendo spunto dalle parole di Papa Francesco espresse al n. 87 dell’Evangelii Gaudium: “Oggi, quando le reti e gli strumenti della comunicazione umana hanno raggiunto sviluppi inauditi, sentiamo la sfida di scoprire e trasmettere la “mistica” di vivere insieme, di mescolarci, di incontrarci, di prenderci in braccio, di appoggiarci, di partecipare a questa marea un po’ caotica che può trasformarsi in una vera esperienza di fraternità, in una carovana solidale, in un santo pellegrinaggio. In questo modo, le maggiori possibilità di comunicazione si tradurranno in maggiori possibilità di incontro e di solidarietà tra tutti. Se potessimo seguire questa strada, sarebbe una cosa tanto buona, tanto risanatrice, tanto liberatrice, tanto generatrice di speranza!”
Le due riflessioni e le visite alle tombe dei frati, che hanno vissuto la loro fede e la vocazione francescana in tempi di sofferenza e persecuzione, hanno costituito per i presenti un’occasione per rinfrescare i contenuti riguardanti la vita fraterna e l’identità cristiana e francescana. I momenti d’incontro e condivisione, di comunione e gioia, di solidarietà e incoraggiamento, hanno confermato la verità e l’attualità delle parole di Papa Francesco: “Uscire da sé stessi per unirsi agli altri fa bene. Chiudersi in sé stessi significa assaggiare l’amaro veleno dell’immanenza, e l’umanità avrà la peggio in ogni scelta egoistica che facciamo” (Evangelii Gaudium, 87).

Fra Virgil BLAJ, Segretario provinciale

Modulo d’accesso

Scrivi Nome di utente e Password

Per ottenere dati di accesso vai a >>> registrazione