mercoledì, 22 Novembre 2017
  • en
  • es
  • pl
  • it

Uganda: Case e incontri

Dal 21 al 28 Ottobre 2017 a Munyonyo (Uganda), dove francescani servono nel neonato ed inaugurato Santuario dei Martiri d’Uganda, hanno avuto luogo i seguenti eventi: l’erezione di un nuovo convento, l’erezione di una casa di postulato, l’assemblea dei formatori dell’Africa e dei superiori maggiori.

La delegazione dell’Uganda appartiene alla Provincia di Sant’Antonio e del Beato Giacomo degli Strepa in Polonia (Cracovia).
Questi eventi hanno avuto luogo nei giorni dal 21 al 28 ottobre 2017 alla presenza del Ministro generale Fra Marco TASCA e i suoi collaboratori da Roma: l’Assistente generale AFCOF Fra Tadeusz ŚWIĄTKOWSKI, il Segretario generale per la formazione Fra Louis PANTHIRUVELIL, il Segretario della Commissione generale per la Revisione delle Costituzioni Fra Timothy KULBICKI. Erano presenti anche: il Ministro provinciale da Cracovia, Fra Marian GOŁĄB con il Vicario e Segretario provinciale e tutti i superiori delle giurisdizioni dell’Africa con 16 formatori.
Tutto ha avuto inizio nel tempio dedicato ai Martiri dell’Uganda, con la solenne celebrazione liturgica presieduta dal Ministro generale e partecipata da numerosi fedeli.
I frati formatori e i ministri si sono soffermati sulle attuali questioni che toccano da vicino la vita dei frati in formazione, sia iniziale che permanente.
Tutta la formazione iniziale dell’Africa si svolge in comune. Le case comuni di formazione al presente sono le seguenti: il postulato (per i candidati dell’East Africa) a Ruiri (Kenya) e Munyonyo (Uganda); i noviziati di Itimpi (Zambia), di Saltpond (Ghana) e Arusha (Tanzania); gli studi di filosofia a Lusaka (Zambia) ed Accra (Ghana); lo studio di teologia a Nairobi (Kenia).
I numeri delle vocazioni stanno crescendo continuamente (solo quest’anno ci sono 28 novizi da 7 paesi, 54 frati in filosofia e 54 in teologia), perciò la principale preoccupazione dei superiori e dei formatori è di trovare delle valide soluzioni, per assicurare ai nostri giovani una giusta ed integrale formazione nel contesto Africano non trascurando il francescanesimo.
Le principali difficoltà comuni a tutti sono due: l’insufficiente numero dei formatori propriamente preparati e il problema del mantenimento dei programmi di formazione, a causa di una continua ricerca delle risorse finanziarie per coprire il costo dello studio e della vita ordinaria.
L’Assemblea ha avuto anche i suoi momenti di preghiera e relax con la visita delle presenze dei frati in Uganda e al Santuario Nazionale di Namugongo. Il clima di fraterna accoglienza dei frati di Uganda ha reso questi giorni di studio e condivisione ancora più fruttuosi.

Fra Tadeusz ŚWIĄTKOWSKI, Assistente generale AFCOF

Modulo d’accesso

Scrivi Nome di utente e Password

Per ottenere dati di accesso vai a >>> registrazione