Dal 17 al 25 Giugno 2024, Fra Juan Alonzo PAGOADA ACOSTA e Fra José Isael SARMIENTO SARMIENTO, entrambi membri della Custodia di Maria Madre della Misericordia in America centrale, hanno commemorato con il popolo di Dio nella Diocesi di Juticalpa, Olancho – Honduras, il 49° anniversario della morte di Fra Casimiro CYPHER, che insieme ad altre 13 persone fu massacrato e poi gettato in un pozzo nel villaggio di Lepaguare, Olancho, il 25 Giugno 1975.

Negli ultimi tre anni, Fra Juan A. PAGOADA ACOSTA Vicepostulatore della causa di Canonizzazione, ha svolto l’ascolto dei testimoni che hanno conosciuto Fra Casimiro, i quali manifestano i segni della santità e del martirio insieme alle virtù di umiltà, semplicità, sobrietà e letizia del missionario OFMConv. Dall’altro lato, c’è la memoria storica, i frutti ecclesiali di cui la Chiesa si è arricchita, poi la speranza che continua ad accrescere i segni dell’amore e della vicinanza attraverso l’offerta della vita del nostro fratello, che viene commemorata ogni anno nella Chiesa dell’Honduras.
In questi giorni, una serie di attività commemorative hanno messo in evidenza le virtù di Fra Casimiro, in particolare la virtù dell’umiltà, una delle virtù con cui ha brillato di più nella sua vita missionaria. Inoltre, è stata sottolineata l’importanza di conoscere la sua vita, la sua missione e lo spirito che lo muoveva a condividere ad una Chiesa perseguitata la missione evangelizzatrice. Infine, è stato riportato lo stato di avanzamento del processo preliminare e l’invito a continuare a pregare per la causa, nella ricerca di altri testimoni.
Fra Juan Alonzo e Fra José Isael hanno condiviso con diverse comunità parrocchiali che, insieme ai fedeli, hanno reso presente lo spirito di santità e martirio di cui gode Fra Casimiro dopo 49 anni di offerta della sua vita. Nei diversi interventi, sia di persona che attraverso i media radiofonici, televisivi, digitali e scritti, la memoria storica e la speranza per la Chiesa dell’Honduras sono state evidenziate con la testimonianza di Fra Casimiro.
Il processo preliminare della causa continua a risvegliare l’interesse della Diocesi di Juticalpa a conoscere lo spirito missionario francescano e la testimonianza dell’offerta della vita di Fra Casimiro. Suscita anche il desiderio di promuovere la sua fama e le sue virtù tra i giovani, i gruppi e i movimenti ecclesiali. Allo stesso tempo, continuano a comparire sempre più persone che vogliono essere ascoltate, affermando di averlo conosciuto, e che la loro testimonianza sarà preziosa per la Chiesa pellegrina in Honduras.
Infine, ancora una volta è chiaro che la sua fama di santità e martirio continua a crescere anno dopo anno, ed è per questo che sono iniziati i preparativi per la celebrazione diocesana del 50° anniversario della sua morte nel 2025. Il Signore vi dia la sua pace.

Fra Juan Alonzo PAGOADA ACOSTA Vicepostulatore della causa